Dati di chiusura

Inviato da Flavia Scarano il Lun, 12/12/2011 - 08:50
La Borsa di Milano ha chiuso in deciso rialzo. La seconda giornata del Consiglio Europeo di Bruxelles ha raccolto l'adesione di altri Paesi europei all'intesa raggiunta nella notte scorsa: 26 Paesi, tutti i 17 dell'Eurozona e quelli dell'Unione Europea ad eccezione della Gran Bretagna, hanno infatti dato l'assenso alla prossima stipula di un nuovo trattato intergovernativo. Il listino meneghino ha accelerato dopo la fiducia dei consumatori Usa calcolata dall'Università del Michigan, che a dicembre è salita a 67,7 punti battendo le attese che indicavano 65,8 punti. E così a Piazza Affari il Ftse Mib ha guadagnato il 3,37% a 15.483 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato del 2,95% a quota 16.229

Vola il comparto bancario: Intesa SanPaolo ha guadagnato il 7,85% a 1,277 euro, Unicredit il 7,10% a 0,80 euro, Ubi Banca il 5,68% a 3,31 euro, Banco Popolare il 2,67% a 0,98 euro, Mps il 7,25% a 0,284 euro. Tra i migliori da segnalare i titoli del Lingotto: Fiat Spa è avanzato del 4,67% a 3,942 euro, Fiat Industrial del 5,55% a 6,56 euro. Impregilo (+2,42% a 2,284 euro) resta un tema caldo sul mercato. Secondo La Repubblica, Atlantia avrebbe deciso di non accettare l'offerta della famiglia Gavio, che dovrebbe comportare un premio del 50% sul primo general contractor italiano, ed anche Fondiaria-Sai potrebbe rifiutare l'offerta. Enel ha mostrato un rialzo del 2,20% a 3,156 euro nonostante il credit watch negativo di Standard & Poor's. Fondiaria-Sai (-2,85% a 0,937 euro) ha aggiornato i minimi storici a 0,934 euro.

I principali listini europei hanno chiuso la seduta in forte rialzo grazie agli accordi raggiunti a Bruxelles dai leader dei paesi europei per evitare il collasso della moneta unica. A Parigi l'indice Cac 40 ha chiuso in rialzo del 2,48%, a Londra il Ftse 100 ha registrato un progresso dello 0,83% mentre a Francoforte il Dax avanza dell'1,91 per cento.
COMMENTA LA NOTIZIA