1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dati di chiusura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha premiato la manovra “salva-Italia” varata dal governo Monti registrando la migliore performance tra le piazze finanziarie del Vecchio Continente: l’indice Ftse Mib ha infatti guadagnato il 2,91% a 15.926 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato del 2,74% a quota 16.659. Buone notizie dal fronte obbligazionario, dove lo spread Btp-Bund è calato a 375 punti base e il rendimento del bond decennale è sceso sotto il 6%, livello che non si vedeva dallo scorso 28 ottobre. A Piazza Affari sono scattati gli acquisti sugli istituti di credito: Banco Popolare ha guadagnato l’11,65% a 1,035 euro, Bpm il 7,28% a 0,305 euro, Unicredit il 5,42% a 0,836 euro, Intesa SanPaolo il 3,85% a 1,348 euro, Ubi Banca il 5,26% a 3,204 euro. Mps è volato con un +10,68% a 0,304 euro dopo aver raggiunto un accordo tombale con l’Agenzia delle Entrate, in base al quale pagherà 260 milioni di euro (più altri 30 milioni come interessi) per chiudere il contenzioso relativo ad alcune operazioni di finanza strutturata realizzate fra il 2002 e il 2007. Fondiaria-Sai (+3,22% a 1,185 euro) ancora sotto i riflettori. La società del gruppo Ligresti ha confermato di avere allo studio la creazione di un veicolo in cui far confluire le partecipazioni strategiche detenute in Generali, Mediobanca, Unicredit, Pirelli, Rcs e in Monte dei Paschi, cui farà seguito la cessione di una quota di minoranza a Credit Suisse. Lottomatica ha guadagnato il 5,54% a 12 euro dopo che l’amministratore delegato, Marco Sala, ha indicato i target 2011 come ampiamente alla portata sottolineando la buona performance delle attività internazionali.

I principali listini europei hanno chiuso la prima seduta della settimana in terreno positivo. A Parigi l’indice Cac 40 ha messo a segno un progresso dell’1,15,%, a Londra il Ftse 100 dello 0,44% mentre a Francoforte il Dax avanza dello 0,49%. Gli investitori hanno ritrovato la fiducia in attesa del Consiglio Europeo che si terrà l’8 e il 9 dicembre dal quale sono attese soluzioni alla crisi del debito pubblico in Europa.

Commenti dei Lettori
News Correlate
RICAVI PRELIMINARI

Geox: Mascazzini nuovo Ad, ricavi 2017 a 884,5 milioni

Il 2017 di Geox si è chiuso con ricavi per 884,5 milioni, sostanzialmente in linea con l’esercizio precedente (-1,8% a cambi correnti, -1,7% a cambi costanti). La crescita del canale …

EMISSIONE BOND

Carraro: deliberata l’emissione di un bond fino a 180 milioni

Dopo l’aumento di capitale del 2017, il Gruppo Carraro torna sul mercato. I Cda di Carraro e della controllata Carraro International hanno deliberato l’emissione di un prestito obbligazionario “senior unsecured” …

MERCATI

Borse europee in ordine sparso

Chiusura in ordine sparso per le borse europee. A Francoforte il Dax è salito dello 0,74% a 13.281,40 punti mentre il francese Cac40 si è fermato a 5.494,80 (+0,02%). Segno …