1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dati di chiusura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Finisce la luna di miele tra il Presidente del Consiglio incaricato, Mario Monti, e i mercati finanziari. Piazza Affari ha subito oggi una battuta d’arresto dopo due sedute consecutive al rialzo, mentre è ripartito anche lo spread tra Btp e Bund, che in giornata è tornato a toccare i 490 punti base. A Piazza Affari il Ftse Mib ha archiviato la seduta in prossimità dei minimi di giornata, in flessione dell’1,99% a 15.464 punti, mentre il Ftse All Share ha ceduto l’1,57% a 16.272 punti. Pesantissimo il titolo Unicredit (6,18% a 0,774 euro) dopo l’ok del cda all’avvio di un aumento di capitale per un massimo di 7,5 miliardi di euro, il blocco del dividendo sull’esercizio 2011 e una perdita trimestrale di 10,64 miliardi di euro.

La prima seduta dell’ottava si chiude con il segno meno per i listini europei. A Londra il Ftse100 ha terminato in calo di mezzo punto percentuale (-0,47%) a 5.519,04 punti, rosso dell’1,19% per il Dax che si porta a 5.985,02, -1,28% del Cac40 a 3.108,95 e l’Ibex fa peggio di tutti scendendo del 2,15% a 8.372,2.