Dati di chiusura

Inviato da Flavia Scarano il Mer, 14/12/2011 - 09:03
La Borsa di Milano ha trascorso una seduta volatile perdendo terreno nel finale di seduta in scia ad alcune indiscrezioni, smentite ufficialmente, circa la perplessità di Angela Merkel sul rafforzamento dell'ESM deciso durante il Consiglio europeo della scorsa settimana. Sul fronte obbligazionario lo spread Btp-Bund ha viaggiato sopra quota 460 punti base e, secondo quanto riportato dalle principali agenzie di stampa, la Bce ha acquistato oggi titoli di Stato italiani. In questo a Piazza Affari il Ftse Mib ha ceduto lo 0,31% a 14.851 punti, mentre il Ftse All Share è arretrato dello 0,24% a quota 15.625.

Giornata ancora negativa per Fondiaria-Sai (-5,39% a 0,807 euro) che anche ieri ha aggiornato i minimi storici a 0,8015 euro. Contrastato il comparto bancario: Mps ha ceduto il 3,32% a 0,25 euro, Unicredit il 3,78% a 0,725 euro, Mps il 2,24% a 0,271 euro, Ubi Banca il 2,73% a 2,994 euro. Hanno invece terminato in territorio positivo Intesa SanPaolo (+0,33% a 1,207 euro) e Banco Popolare (+2,05% a 0,922 euro). Finmeccanica, dopo aver aggiornato il minimo storico a 2,81 euro, ha archiviato al seduta con una flessione del 2,81% a 2,84 euro. Fiat Spa (+0,27% a 3,756 euro) protagonista di giornata. Oggi, infatti, è stato firmato il nuovo contratto di lavoro per gli 86.200 lavoratori della casa torinese.

Chiusura contrastata per le borse europee: il dax ha chiuso in ribasso dello 0,19% a 5.774,26 punti, il Ftse100 si è attestato a 5.490,15 punti in rialzo dell'1,15%, in flessione dello 0,35% a 3.078,72 punti il Cac mentre l'Ibex è arretrato dello 0,63% a quota 8.327,79.
COMMENTA LA NOTIZIA