1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dati di chiusura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Inizio di settimana da dimenticare per la Borsa di Milano con l’indice Ftse Mib che ha mostrato un tonfo del 4,74% a 14.509 punti, mentre il Ftse All Share è arretrato del 4,57% a quota 15.272. Sul mercato hanno pesato i timori che negli Stati Uniti non si riesca a trovare un accordo sul rientro del deficit pubblico. Un altro fronte caldo è la Francia, dove crescono le preoccupazioni di una possibile mossa di Moody’s che ha minacciato il taglio della tripla A transalpina. Per quanto riguarda l’obbligazionario, lo spread Btp-Bund è rimasto stabile per quasi tutta la seduta in area 480 punti base, in rialzo però dai 465 punti base di venerdì scorso. Oggi a Milano hanno staccato la cedola alcune società quotate sul Ftse Mib: A2A, Atlantia, Enel, Mediobanca, Mediolanum, Tenaris e Terna. L’impatto sull’indice è stato quantificato in 0,57 punti percentuali.

Vendite diffuse sulla galassia Agnelli: Exor ha ceduto il 7,23% a 13,73 euro, Fiat Spa il 6,84% a 3,594 euro, Fiat Industrial il 5,12% a 5,92 euro. Fiat Group Automobiles ha annunciato alle sigle sindacali la disdetta dal prossimo 1° gennaio per gli stabilimenti auto sul territorio nazionale di tutti gli accordi sindacali e delle prassi collettive in atto. Dopo una mattinata trascorsa in territorio positivo, Bpm ha decisamente invertito la rotta arrivando a chiudere con un tonfo del 6,82% a 0,26 euro. In rosso anche il resto del comparto bancario: Intesa SanPaolo ha ceduto il 5,66% a 1,15 euro, Ubi Banca il 5,28% a 2,908 euro, Mps il 4,94% a 0,269 euro, Banco Popolare il 5,45% a 0,045 euro, Unicredit il 2,99% a 0,731 euro. Non c’è pace per Finmeccanica che nell’ultima settimana ha lasciato sul parterre oltre il 30% della capitalizzazione. Oggi il titolo del colosso pubblico ha mostrato un tonfo del 6,60% a 3,002 euro.

La settimana dei listini europei inizia all’insegna delle vendite. A Madrid l’Ibex ha chiuso in calo del 3,48% a 8.021 punti, andamento simile anche per il francese Cac40 e per il Dax, che con un -3,41 ed un -3,35 per cento hanno terminato a 2.894,94 e 5.606 punti. Contiene le perdite il Ftse100, che con un -2,62% scende a 5.222,6 punti.