Dati di chiusura

Inviato da Flavia Scarano il Ven, 23/12/2011 - 08:45
La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in rialzo con l'indice Ftse Mib che è tornato sopra la soglia dei 15.000 punti. Il listino milanese non ha risentito della revisione al ribasso del Pil Usa del terzo trimestre, tagliato a +1,8% dal +2% della precedente rilevazione. Sopra le attese invece la fiducia dei consumatori statunitensi di dicembre, calcolata dall'Università del Michigan, salita a 69,9 punti dai 67,6 punti preliminari. E' rimasto elevato lo spread Btp-Bund, che è salito sopra quota 490 punti base (rendimento al 6,85%) nel giorno in cui il Senato ha dato la fiducia alla manovra varata dal governo Monti. In questo quadro a Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha guadagnato l'1,40% a 15.027 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato dell'1,35% a quota 15.743.

Positivo il comparto bancario: Bpm ha guadagnato il 5,08% a 0,318 euro, Intesa SanPaolo il 2,53% a 1,339 euro, Mps il 3,05% a 0,26 euro, Banco Popolare l'1,64% a 1,054 euro, Ubi Banca il 2,25% a 3,366 euro, Unicredit l'1,06% a 0,715 euro. Bene i titoli del Lingotto: Fiat Industrial ha mostrato un progresso del 2,58% a 6,55 euro, Fiat Spa è avanzata del 2,54% a 3,64 euro. Positiva la galassia Eni. Il colosso guidato da Paolo Scaroni, che a mostrato un rialzo dell'1,30% a 15,57 euro, ha perfezionato l'accordo sottoscritto con la relativo alla cessione della partecipazione pari all'89% detenuta nel gasdotto TAG. Fondiaria-Sai (-3,51% a 0,70 euro) ha indossato la maglia nera mentre si fa sempre più concreta l'ipotesi di un aumento di capitale.

Chiusura tutta con il segno più per i listini europei. L'Ibex ed il Dax hanno terminato in rialzo di 1 punto percentuale (+1,01 e +1,05 per cento) portandosi a 8.462,9 ed a 5.852,18 punti, +1,25% per il Ftse100 che sale a 5.456,97 ed il Cac40 fa meglio di tutti salendo dell'1,36% a 3.071,8.
COMMENTA LA NOTIZIA