1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dati di chiusura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Seduta tranquilla e volumi ridotti per le borse europee, che archiviano in territorio positivo le contrattazioni pre-natalizie. L’indice Dax di Francoforte ha chiuso a 5878,93 con un progresso dello 0,46%, il Cac 40 di Parigi si è fermato a 3102,09 punti, in aumento dello 0,99%. bene anche l’Ibex 35 di Madrid, +0,94% a 8542,7 punti. La Borsa londinese, che in occasione del Natale ha chiuso con mezza giornata di anticipo, ha invece registrato un aumento dell’1,02% a 5512,7 punti. A Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha guadagnato lo 0,31% portandosi a 15.073,99 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato dello 0,42% a quota 15.809,66. Debole il comparto bancario: Ubi Banca ha ceduto il 2,67% a 3,276 euro, Intesa SanPaolo il 2,17% a 1,31 euro, Banco Popolare lo 0,47% a 1,049 euro, Monte dei Paschi lo 0,77% a 0,258 euro. Giù anche Unicredit (-3,43% a 0,6905 euro). Stando ad alcune indiscrezioni di stampa, si sarebbero aggiunte altre 12 banche, sia italiane sia estere, alle attuali 14 che formano il consorzio di garanzia per l’aumento di capitale da 7,5 miliardi di euro dell’istituto di piazza Cordusio. Tra i nomi in circolazione sono spuntati quelli di Monte dei Paschi, Equita sim, Intermonte, Banca Akros, Banca Carige e Banca Aletti. Tra gli istituti stranieri ci sarebbero Credit Agricole, Lloyds, Nomura, Bbva, Kbw e Mizuho Bank. Nel frattempo ieri è arrivata la notizia dell’adesione alla ricapitalizzazione da parte della Fondazione Manodori, azionista al 0,79% di piazza Cordusio, che sottoscriverà parzialmente l’aumento di capitale dell’istituto milanese.