1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dati di chiusura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

A Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha chiuso le contrattazioni in calo a 15650 punti (-1,24%) dopo un avvio di giornata in terreno positivo. A favorire le prese di beneficio hanno contribuito le indiscrezioni circa i timori del cancelliere tedesco Angela Merkel di non riuscire a trovare un accordo per evitare il collasso dell’euro durante il Consiglio Europeo che si terrà il 9 dicembre a Bruxelles. Le vendite si sono concentrate soprattutto sui titoli bancari, male soprattutto Mps (-5,66%), Unicredit (-2,42%) che risentono della bocciatura da parte degli analisti di Morgan Stanley. In controtendenza Ubi Banca (+4,14%), Bpm (+1,53%), Bper(+1,32%), Mediobanca (+0,9%) Azimut (+0,9%). Tra i finanziari male anche Fondiaria Sai (-5,82%) che dal prossimo 19 dicembre uscirà dal paniere del Ftse Mib per lasciare il posto a Salvatore Ferragamo. Male anche il comparto obbligazionario con lo spread tra i titoli decennali Btp /bund salito nuovamente a 390 punti dai 365 di ieri.

I principali listini europei hanno terminato la chiusura di oggi in terreno negativo penalizzati dalle indiscrezioni circa lo scetticismo di Angela Merkel sulla possibilità di trovare un accorso per salvare l’euro nell’incontro del leader europei che si terrà nei prossimi giorni a Bruxelles. A Parigi l’indice Cac 40 ha chiuso in flessione dello 0,11%, a Londra il Ftse 100 è arretrato dello 0,38% mentre a Francoforte il Dax arretra dello 0,52 per cento.