Dati di chiusura

Inviato da Flavia Scarano il Ven, 06/01/2012 - 08:56
Tonfo per la Borsa di Milano che archivia la seduta in profondo rosso trascinata a ribasso dalle pesanti vendite che hanno colpito i titoli bancari. È stato diffuso il dato sul tasso di disoccupazione italiano che, nel terzo trimestre 2011 si è attestato al 7,6%, un decimo di punto in più rispetto al penultimo trimestre del 2010. Lo ha comunicato l'Istat che ha pubblicato anche la lettura preliminare di novembre, mese in cui il tasso di disoccupazione ha raggiunto l'8,6%, in aumento di 0,1 punti percentuali rispetto a ottobre e di 0,4 punti su base annua. Pessime notizie anche dal mercato obbligazionario. Lo spread Btp-Bund ha accelerato attestandosi sui 520 punti base, con un rendimento dei Btp decennali al 7%. E così a Piazza Affari il Ftse Mib ha ceduto il 3,65% a 14.767 punti mentre il Ftse All Share si è attestato a 15.622 punti in flessione del 3,24%.

Seduta disastrosa per Unicredit e per tutto il comparto bancario, colpito da ripetute sospensioni per eccesso di ribasso. Il titolo di Piazza Cordusio ha terminato gli scambi crollando del 17,2% a 4,48 euro. Non è andata meglio a Intesa Sanpaolo (-7,33% a 1,189 euro), Mediobanca (-6,29% a 4,142 euro), Banco Popolare (-10,2% a 0,9 euro), Monte dei Paschi (-8,55% a 0,236 euro), la Popolare di Milano (-10,7% a 0,273 euro), Ubi Banca (-8,9% a 2,928 euro) e Bper (-5,98% a 5,19 euro). Tonfo del 14,7% a 0,674 euro per Fondiaria-Sai. Rossa Enel Green Power, in ribasso del 2,12% a 1,615 euro. Negativa anche Mediaset, in calo del 5,03% a 2,076 euro. In netta controtendenza Fiat, che è avanzata del 3,57% a 3,888 euro. La società torinese ha incrementato di un ulteriore 5% la partecipazione detenuta in Chrysler salendo a quota 58,5%.

Chiusura in territorio negativo per i listini del Vecchio continente. Il Dax ha terminato in calo dello 0,25% a 6.095,99 punti, rosso dello 0,78% del Ftse100 a 5.624,26, a Parigi il Cac40 è sceso di 1 punto e mezzo percentuale (-1,53%) a 3.144,91 punti mentre l'Ibex ha fatto peggio di tutti arretrando di quasi il 3% (-2,94%) a 8.329,6.
COMMENTA LA NOTIZIA