1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dati di chiusura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso la seduta sulla parità, a seguito di un rapido cambio di rotta pomeridiano. La svolta è stato l’incontro a tre tra il presidente del consiglio italiano Mario Monti, il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente francese Nicolas Sarkozy tenutosi a Strasburgo. “Gli Eurobond non sono necessari”. Così la Merkel ha messo una pietra sopra al discorso sugli stability bond. Il mercato fino all’ultimo aveva sperato in un sì tedesco. Dal mercato obbligazionario, si è registrata un’impennata serale dello spread Btp-Bund che ha raggiunto i massimi di giornata a 493 punti base con il rendimento offerto dal decennale italiano al 7,11%. In questo quadro a Piazza Affari il Ftse Mib ha chiuso in rialzo dello 0,03% a 13.920,58 punti mentre il Ftse All Share si è portato a 14.676 punti giù dello 0,08 per cento.

Contrastato il comparto bancario capitanato da Unicredit che ha chiuso in rialzo del 2,81% a 0,694 euro. Bene anche Intesa Sanpaolo (+1,48% a 1,096 euro). A ridosso della chiusura e con il consiglio di sorveglianza ancora in corso, le principali agenzie di stampa davano ormai per assodata la nomina di Enrico Cucchiani alla carica di consigliere delegato di Cà de Sass. In flessione la Bpm (-1,98% a 0,262 euro), Mps (-2,41% a 0,242 euro), Mediobanca (-0,32% a 4,326 euro) e Banco Popolare (-1,66% a 0,828 euro). Positiva tutta la Galassia Agnelli: su del 4,29% a 3,454 euro Fiat spa, maglia rosa del listino meneghino, del 3,60% a 6,045 euro Fiat Industrial e dell’1,15% a 14,07 euro la holding Exor. Oggi è stato l’ultimo giorno di produzione per lo stabilimento siciliano della Fiat di Termine Imerese. Buone performance anche da parte di Mediaset che archiviato la seduta avanzando del 2,34% a 1,884 euro. In giornata il vicepresidente di Cologno Monzese, Pier Silvio Berlusconi, ha ribadito rispondendo ad alcune domande dei giornalisti che il gruppo non prenderà parte ad eventuali aste per l’acquisto di Endemol.

Il no tedesco agli Eurobond ha spedito i listini europei in territorio negativo. Il Dax ha terminato la seduta in calo di mezzo punto percentuale (-0,54%) a 5.428,11 punti, -0,24 e -0,23 per cento per il Ftse100 e l’Ibex che si portano rispettivamente a 5.127,57 ed a 7.721,8 punti e parità del francese Cac40 (-0,01%) a 2.822,25.