Dati di chiusura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Inizio di settimana molto positivo per la Borsa di Milano che ha ignorato l’avvertimento di Moody’s e la smentita del Fondo Monetario Internazionale sulle indiscrezioni circolate nel weekend circa un possibile maxi piano di aiuti all’Italia da 600 miliardi di euro. L’agenzia di valutazione ha avvertito l’Europa: la possibilità di default tra i Paesi del Vecchio Continente non è più insignificante. Per scongiurare questo scenario e il fallimento della moneta unica, i leader europei stanno lavorando per costruire in tempi rapidi nuove regole per rafforzare la governance dell’Eurozona. Un ruolo centrale dovrebbe essere giocato dal Fondo europeo salva-Stati (EFSF). Sul fronte obbligazionario, lo spread Btp-Bund si attesta oltre i 490 punti con il rendimento del bond decennale italiano ancora sopra il 7%. In questo quadro a Piazza Affari il Ftse Mib ha guadagnato il 4,60% a 14.578 euro, mentre il Ftse All Share è avanzato del 4,31% a quota 15.321.

Acquisti sul comparto bancario: Unicredit ha guadagnato l’8,14% a 0,757 euro, Intesa SanPaolo il 7,04% a 1,155 euro, Mediobanca il 5,32% a 4,556 euro, Mps il 2,27% a 0,243 euro, Banco Popolare lo 0,80% a 0,815 euro. Molto bene Ubi Banca (+5,77% a 2,824 euro) dopo aver fornito alcune indicazioni sul 2011: l’utile operativo è previsto oltre il miliardo di euro contro l’attesa di Intermonte di 1,04 miliardi. Riflettori accesi sulla galassia Eni. Saipem ha mostrato un progresso del 6,07% a 31,65 euro dopo essersi aggiudicata nuovi contratti E&C Onshore del valore di circa 1 miliardo di euro, principalmente in Medio Oriente e Nord Africa. In luce anche Snam Rete Gas (+4,08% a 3,32 euro) in scia all’upgrade da parte di JP Morgan. Infine bene anche Eni che ha guadagnato il 3,75% a 15,22 euro. Finmeccanica ha proseguito il suo momento no scivolando sul fondo del paniere principale con un ribasso del 2,67% a 2,992 euro

L’ottava dei listini europei inizia all’insegna degli acquisti. A Parigi il Cac40 ha messo a segno un balzo del 5,46% portandosi a 3.012,93 punti, andamento simile per il Dax e per l’Ibex (+4,6 e +4,59%) che salgono rispettivamente a 5.745,33 ed a 8.119,9 punti e +2,87% del Ftse100 a 5.312,76.

Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

MACRO

Stati Uniti: crescita economica ai minimi da tre anni nel Q1

Nel primo trimestre la crescita statunitense si è attestata allo 0,7%, in calo rispetto al 2,1% degli ultimi tre mesi del 2016. Si tratta del dato minore degli ultimi tre anni. Gli analisti avevano stimato un +1,3%.

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

BORSA ITALIANA

Piazza Affari avanti adagio: splende Mediobanca, Atlantia cede terreno

Mattinata interlocutoria per i mercati azionari europei che non si discostano di molto dalla parità quando si è da poco oltrepassata metà seduta. Piazza Affari segna una fra le migliori performance del continente, agevolata dalle ricoperture sui banc…