1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dati di chiusura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso sulla parità perdendo terreno sul finale di seduta. Il Tesoro italiano ha collocato 8,5 miliardi di euro di Bot annuali ad un rendimento medio del 2,23%, in calo rispetto al 2,735% dell’asta tenutasi lo scorso 12 gennaio. Dal fronte greco, il voto per le elezioni politiche è stato anticipato ad aprile mentre la ristrutturazione del debito con i creditori privato dovrebbe essere completata a marzo. Lo spread Btp-Bund è ritornato nel pomeriggio sopra 365 punti base. E così, complice la debolezza del comparto bancario, l’indice Ftse Mib ha guadagnato lo 0,05% a 16.369 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato dello 0,19% a quota 17.381. Debole il comparto bancario, con Unicredit che ha lasciato sul parterre il 3,79% a 4,064 euro. Sul listino le vendite hanno colpito anche Bpm (-4,75% a 0,454 euro), Mps (-3,39% a 0,31 euro), Intesa SanPaolo (-1,97% a 1,491 euro), Mediobanca (-0,62% a 4,77 euro) e Ubi Banca (-0,59% a 3,732 euro). Acquisti sostenuti invece su Banco Popolare che ha mostrato un progresso dell’1,03% a 1,377 euro. Saipem ha brillato con un rialzo del 2,60% a 36,67 euro in scia alla diffusione dei conti trimestrali. Tonica Pirelli (+1,67% a 7,615 euro) con Goldman Sachs che ha ribadito il suo “conviction buy” sul titolo della Bicocca con prezzo obiettivo a 14,32 euro. Enel ha mostrato un progresso dell’1,17% a 3,286 euro dopo aver annunciato di aver aumentato il valore nominale dell’offerta di obbligazioni riservate ai risparmiatori retail italiani fino a un massimo di 3 miliardi di euro. La chiusura del periodo di offerta è stata anticipata ad oggi rispetto al 24 febbraio indicato in precedenza.

Nonostante un ritracciamento nella seconda parte le borse europee chiudono la prima seduta dell’ottava sopra la parità. A Londra il Ftse100 ha terminato in rialzo dello 0,91% a 5.905,7 punti, +0,68% per il Dax che sale a 6.738,47, +0,34% del Cac40 a 3.384,55 e -0,1% dell’Ibex a 8.788,3.