1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dati di chiusura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso in rialzo dopo la debolezza delle ultime sedute. L’indice Ftse Mib ha guadagnato l’1,07% a 16.487 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato dell’1% a quota 17.512. Telecom Italia è volata in testa al paniere principale con un balzo del 6,84% a 0,867 euro dopo i conti preliminari 2011 e l’aggiornamento del piano industriale 2012-2014. Acquisti anche sul comparto bancario: Intesa SanPaolo ha guadagnato il 2,90% a 1,49 euro, Mediobanca il 2,35% a 4,968 euro, Unicredit il 2,20% a 3,894 euro, Bpm il 2,01% a 0,493 euro, Ubi Banca il 2,17% a 3,586 euro, Mps l’1,55% a 0,392 euro. A due velocità i titoli del Lingotto: Fiat Spa ha ceduto lo 0,22% a 4,564 euro, mentre Fiat Industrial è salita dell’1,46% a 7,985 euro. Finmeccanica (-0,38% a 4,152 euro) non ha sfruttato le indiscrezioni del Sole 24 Ore, secondo cui sarebbero in arrivo due nuove commesse per la controllata Alenia Aermacchi da 1,4 miliardi di dollari. La separazione tra Snam (piatta a 3,61 euro) e Eni (+0,80% a 17,57 euro) resta un tema di fortissima attualità sul mercato.

Seduta altalenante per gli indici europei. Il londinese Ftse100 e l’Ibex hanno chiuso in parità (-0,05% e 0,0% rispettivamente) a 5.935,13 ed a 8.527,7 punti, segno più invece per il Cac40 (+0,57%) che si porta a 3.467,03 e per il Dax (+0,81%), che invece si è fermato a 6.864,43 punti.