Dati di chiusura

Inviato da Flavia Scarano il Lun, 20/02/2012 - 08:45
La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in rialzo. A frenare un po' gli acquisti il super indice statunitense di gennaio, salito dello 0,4% mentre le attese indicavano un progresso dello 0,5%. In mattinata è stato cancellato l'incontro a Roma tra Monti e Merkel, dopo che il presidente tedesco Wulff ha annunciato le dimissioni. Sul secondario lo spread Btp-Bund è sceso in area 365 punti base, 10 punti in meno rispetto ai primi scambi di giornata. In questo quadro a Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha guadagnato l'1,08% a 16.547 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato dell'1,01% a quota 17.533.

Finmeccanica è volata in testa al paniere principale con un balzo del 15,89% a 4,04 euro in scia alla commessa vinta in Israele dalla controllata Alenia Aermacchi. Acquisti sostenuti anche su Pirelli (+6,32% a 8,16 euro), che si è portata sui massimi dal marzo 2005, e sui titoli della galassia Agnelli: Fiat Spa ha guadagnato il 4,67% a 4,75 euro, mentre Fiat Industrial è avanzata del 2,29% a 8,035 euro. Le numerose smentite non riescono a frenare la corsa di Parmalat. Il titolo della società emiliana è salito dell'1,82% a 1,73 euro. Bene il comparto bancario: Bpm ha guadagnato il 2,29% a 0,46 euro, Unicredit l'1,49% a 4,22 euro, Intesa SanPaolo l'1,52% a 1,541 euro, Mps l'1,74% a 0,35 euro, Banco Popolare lo 0,63% a 1,427 euro, Ubi Banca lo 0,38% a 3,744 euro. Enel ha indossato per il secondo giorno consecutivo la maglia nera del Ftse Mib con un ribasso dell'1,36% a 3,036 euro dopo la raffica di bocciature degli analisti arrivata questa mattina.

Chiusura di ottava in territorio positivo per i listini europei. Il tedesco Dax ha terminato la seduta in rialzo dell'1,42% a 6.848,03 punti, +1,37% per il Cac40 che si porta a 3.439,62, +0,33% del londinese Ftse100 a 5.905,07 e parità dell'Ibex a 8.558,1.
COMMENTA LA NOTIZIA