Dati di chiusura

Inviato da Flavia Scarano il Mar, 21/02/2012 - 08:55
La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in rialzo. La Banca centrale di Pechino ha abbassato il coefficiente delle riserve obbligatorie delle banche commerciali di 50 punti base al fine di aumentare la concessione di prestiti e sostenere la crescita. Wall Street è rimasta chiusa per festività e la Bce ha fatto sapere che durante la scorsa settimana non ha acquistato bond governativi sul secondario. Buone indicazioni dallo spread Btp-Bund, che si è portato in area 350 punti base. In questo quadro a Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha guadagnato l'1,07% a 16.724 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato dell'1,04% a quota 17.715.

Acquisti sul comparto bancario con Bpm che ha svettato sul paniere principale con un balzo dell'8,24% a 0,498 euro. Bene anche Banco Popolare (+5,05% a 1,499 euro), Ubi Banca (+2,14% a 3,824 euro), Intesa SanPaolo (+1,56% a 1,565 euro), Unicredit (+1,42% a 4,28 euro), Mps (+3,06% a 0,36 euro). Brillante STMicroelectronics (+8,25% a 5,71 euro). Fiat Spa ha guadagnato lo 0,59% a 4,778 euro dopo i buoni dati pubblicati da Fenabrave sulle immatricolazioni in Brasile. Decisamente migliore la performance borsistica di Fiat Industrial che ha segnato un progresso del 2,74% a 8,255 euro. Finmeccanica (-3,17% a 3,912 euro) è stata vittima delle prese di beneficio dopo l'exploit di venerdì scorso, quando aveva mostrato un balzo di quasi 16 punti percentuali in scia all'importante commessa vinta in Israele dalla controllata Alenia Aermacchi.

Inizio di ottava con il segno più per le borse europee. A Londra il Ftse100 ha chiuso in rialzo dello 0,68% portandosi a 5.945,25 punti, +0,96% per il Cac40 a 3.472,54, +1,46% per il tedesco Dax che sale a 6.948,25 e l'Ibex fa meglio di tutti evidenziando un +1,86% a 8.818,1.
COMMENTA LA NOTIZIA