1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dati di chiusura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso la seduta vicino alla parità dopo il via libera dell’Eurogruppo al secondo piano di aiuti alla Grecia. Il premier Monti ha dichiarato che l’accordo salva-Grecia allontana i timori di contagio. In questo quadro a Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha ceduto lo 0,09% a 16.708 punti, mentre il Ftse All Share è arretrato dello 0,04% a quota 17.708.

Finmeccanica è volata in testa al Ftse Mib con un balzo dell’11,71% a 4,37 euro. Stando a quanto riportato da Il Sole 24 Ore, il Governo avrebbe allo studio una possibile entrata delle Ferrovie dello Stato e della Cassa Depositi e Prestiti nel capitale di AnsaldoBreda. Performance brillante anche per il Mps (+9,14% a 0,393 euro) grazie alle voci del forte interesse da parte di soci privati e di fondi di private equity per il 15% dell’istituto messo in vendita dalla Fondazione Mps. Contrastato il resto del comparto bancario: Intesa SanPaolo ha ceduto il 2,30% a 1,529 euro, Unicredit l’1,31% a 4,224 euro, Ubi Banca lo 0,21% a 3,816 euro, Banco Popolare lo 0,47% a 1,492 euro. Acquisti sostenuti invece sulla Bpm che ha mostrato un progresso del 4,62% a 0,521 euro. Tonica Enel Green Power (+3,85% a 1,536 euro), considerata dagli analisti di Goldman Sachs la loro “top pick” tra le utility europee attive nella produzione di energia da fonti rinnovabili.

Chiusura in territorio negativo per gli indici del Vecchio continente. Il tedesco Dax e l’Ibex hanno chiuso in calo dello 0,58% a 6.908,18 ed a 8.767,1 punti, il londinese Ftse100 è arretrato dello 0,29% a 5.928,2 ed il Cac40 con un -0,21% si è fermato a 3.465,24.