Dati di chiusura

Inviato da Flavia Scarano il Ven, 23/03/2012 - 09:00
Giornata tinta di rosso per la Borsa di Milano. A Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha ceduto l'1,70% a 16.450 punti, mentre il Ftse All Share è arretrato dell'1,69% a quota 17.460. In rosso tutto il comparto bancario, trainato al ribasso da Banco Popolare, oggi maglia nera del listino delle blue chips con un calo del 4,66% a 1,575 euro. In flessione del 3,90% a 0,477 euro la Bpm, del 2,28% a 4,722 euro Mediobanca, del 3,38% a 0,36 euro Mps e dell'1,85% a 3,404 euro Ubi Banca. Male anche Unicredit (-2,05% a 3,922 euro) e Intesa Sanpaolo (-2,21% a 1,46 euro), la cui divisione private banking ha archiviato il 2011 con un utile netto in calo del 20,3% a 86,6 milioni di euro. Positiva STMicroelectronics che ha chiuso in rialzo dell'1,46% a 6,255 euro. Sul titolo ha beneficiato l'upgrade di Ubs che ha portato il target price della società dei semiconduttori da 5,5 a 6 euro confermando il giudizio neutral. Ancora in ribasso Mediaset che ha archiviato la seduta in flessione del 3,18% a 2,134 euro sull'onda lunga del calo degli utili 2011 e del taglio della cedola.

Seduta all'insegna della debolezza per le Piazze finanziarie del Vecchio continente. A Londra il Ftse100 ha terminato in calo dello 0,79% a 5.845,65 punti, -1,27% per il tedesco Dax che scende a 6.981,26, -1,56% a 3.472,46 punti del Cac40 e l'Ibex fa peggio di tutti arretrando dell'1,62% a 8.353,6.
COMMENTA LA NOTIZIA