Dati di chiusura

Inviato da Flavia Scarano il Gio, 31/05/2012 - 08:50
E' un'altra giornata estremamente negativa per la Borsa di Milano, con l'indice Ftse Mib tornato sotto quota 13.000 punti e lo spread Btp-Bund schizzato sopra i 460 punti base. A Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha ceduto l'1,79% a 12.872 punti, mentre il Ftse All Share è arretrato dell'1,77% a quota 13.813. Galassia Fiat sotto i riflettori dopo l'annuncio di ieri mattina per l'integrazione tra Fiat Industrial e CNH. Marchionne ha subito messo in chiaro che la newco non sarà quotata a Piazza Affari, visto che sarà una holding di diritto olandese. Pesante il ribasso borsistico di Fiat (-5,12% a 3,926 euro), mentre Fiat Industrial ha sovraperformato l'indice di riferimento con un +0,95% a 7,965 euro. Le vendite hanno colpito duramente il comparto industriale: Impregilo ha ceduto il 4,71% a 3,158 euro, Prysmian il 3,30% a 11,44 euro, Pirelli il 3,56% a 8,125 euro. Nel comparto bancario pesante ribasso per Bpm (-4,87% a 0,305 euro) in scia all'inchiesta sull'ex presidente, Massimo Ponzellini, che ha portato la Procura di Milano a richiederne gli arresti domiciliari. Nel comparto negative anche Bper (-3,62% a 3,252 euro), Mps (-1,49% a 0,199 euro) e Intesa SanPaolo (-0,79% a 1,002 euro). Positive invece Unicredit (+0,24% a 2,468 euro), Ubi Banca (+0,54% a 2,23 euro) e Banco Popolare (+1,17% a 0,911 euro). Telecom Italia (+1,13% a 0,669 euro) positiva dopo le ultime sedute in ribasso.

Chiusura con il segno meno per le borse europee. La maglia nera come spesso accade di questi tempi va all'Ibex che ha terminato con un -2,58% a 6.090,4 punti, andamento simile per il Cac40 (-2,24%) che chiude a 3.015,58. -1,81% per il Dax a 6.280,8 e rosso dell'1,74% per il Ftse100 a 5.297,28.
COMMENTA LA NOTIZIA