1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Dati di chiusura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso ancora in territorio negativo con il Ftse Mib che ha aggiornato il minimo del 2012 a 12.764 punti. A Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha ceduto lo 0,14% a 12.854 punti, mentre il Ftse All Share è arretrato dello 0,10% a quota 13.811. Snam ha svettato sul paniere principale con un rialzo del 4,15% a 3,266 euro all’indomani del perfezionamento della separazione da Eni (+1,69% a 15,60 euro). Male invece Finmeccanica (-0,15% a 2,69 euro) che questa mattina ha annunciato di aver ceduto il 15% di Avio al Fondo Strategico Italiano. Parmalat (+0,49% a 1,631 euro) ha sfruttato le parole dell’Ad Yvon Guerin che si è detto ottimista sull’andamento dei conti nei prossimi mesi. Ancora andamento a due velocità per i titoli del Lingotto: Fiat ha lasciato sul parterre il 3,21% a 3,80 euro, mentre Fiat Industrial ha guadagnato il 2,07% a 8,13 euro all’indomani dell’annuncio dell’integrazione con CNH. Deboli rialzi per il comparto bancario: Unicredit ha guadagnato lo 0,41% a 2,478 euro, Ubi Banca lo 0,45% a 2,24 euro, Intesa SanPaolo lo 0,10%. Male il Banco Popolare (-1,54% a 0,897 euro), mentre Mps ha mostrato un rialzo dell’1,26% a 0,201 euro.

Le indicazioni macro arrivate nel pomeriggio dagli Stati Unti hanno spinto al ribasso i listini europei. Il tedesco Dax ha terminato in calo dello 0,26% a 6.264,38 punti, parità per il Ftse100 (-0,03%) e per l’Ibex (-0,01%) che scendono rispettivamente a 5.295,87 e a 6.089,8 punti. Lieve segno più per il Cac40 (+0,05%) che si ferma a 3.017,01 punti.

Commenti dei Lettori
News Correlate
RINNOVABILI

Falck Renewables: acquisite due società svedesi

Falck Renewables oggi ha perfezionato l’acquisizione del 100% di due società a responsabilità limitata (Aliden Vind AB e Brattmyrliden Vind AB), che possiedono due progetti pronti per la costruzione in …

MERCATI

Borse europee chiudono piatte

Dopo una prima parte incerta, chiusura di ottava intorno alla parità per le borse europee. Tra le cause della risalita troviamo le indicazioni migliori delle stime arrivate dai dati macro: …