DaimlerChrysler, 6.000 posti di lavoro a rischio

Inviato da Redazione il Mar, 13/07/2004 - 08:55
DaimlerChrysler ha annunciato che potranno essere necessari tagli per 6.000 unità e lo spostamento della produzione della Mercedes classe C oltreoceano se i sindacati non accetteranno riduzioni annuali dei costi per 500 milioni di euro. Prima di DaimlerChrysler, è stata la Siemens ad adottare una simile minaccia ottenendone un accordo con i lavoratori per l'aumento dell'orario di lavoro a 40 ore la settimana invece di 35 e senza aumenti salariali. L'annuncio di Jurgen Hubbert segue una settimana di proteste dei 12.000 lavoratori dell'impianto di Sindelfing, con una perdita di produzione pari a 1.000 veicoli. Sono previste nuove manifestazioni giovedì. Un rappresentante dei lavoratori ha affermato che le parole di Hubbert hanno indurito i toni delle negoziazioni che dovrebbero riprendere oggi.
COMMENTA LA NOTIZIA