1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Dai numeri di Alcoa nuovi punti interrogativi sulle trimestrali Usa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

E’ peggiore delle attese l’avvio della stagione delle trimestrali statunitensi, il cui andamento è considerato determinante perchè il recente rally dei mercati possa consolidarsi. Stanotte il colosso dell’alluminio, Alcoa, che tradizionalmente apre la earning season, ha annunciato la seconda perdita trimestrale consecutiva. Le dimensioni del rosso sono però più ampie rispetto a quelle attese dagli analisti. Il gruppo ha chiuso il periodo con un passivo di 497 milioni di dollari, pari a 61 centesimi per azione, quando, a seconda dei diversi fornitori di consensus la perdita era prevista tra i 51 e i 57 centesimi. Nel primo trimestre 2008 Alcoa aveva riportato un utile di 303 milioni di dollari. Un cattivo viatico per una earning season dalla quale gli analisti si attendono che gli utili delle aziende comprese nell’indice possano calare del 35% rispetto a un anno prima. Nel primo trimestre del 2009, insieme agli ultimi tre mesi del 2008, dovrebbe concentrarsi il picco nella frenata della redditività aziendale.

 

Alcoa ha attribuito la deludente performance al calo del prezzo dell’alluminio e alla debole domanda dalla clientela industriale e commerciale. Il presidente e chief executive di Alcoa, Klaus Kleinfeld, si è detto fiducioso sull’impatto dei programmi di stimolo economico pensati per rimettere in modo il settore delle infrastrutture. A suo avviso “questi sforzi contribuiranno a ricreare una domanda di alluminio nel breve termine, mentre la crescita della popolazione e l’urbanizzazione guideranno la domanda nel lungo termine”.