Dai dati Usa la spinta long per Bpm

Inviato da Riccardo Designori il Gio, 09/09/2010 - 16:04
La progressione messa a segno nel pomeriggio dopo la pubblicazione dei dati Usa relativi alla richiesta di sussidi di disoccupazione e alla bilancia commerciale a stelle e strisce ha consentito a Bpm di accelerare e rompere le resistenze a 3,6125 euro, massimo segnato lo scorso 3 settembre. A questo punto a livello operativo l'ingresso long è consigliato in caso di ritracciamento di 3,60 euro. Con uno stop sotto il minimo odierno di 3,4675 euro, il target iniziale è da collocarsi a livello della media mobile a 55 sedute attualmente transitante a 3,725 euro e successivamente in prossimità delle resistenze di 3,90 euro. Proprio all'altezza di tale soglia si completerebbe peraltro il pull back profondo della trend line rialzista composta dai minimi crescenti del 7 giugno a 3,10 euro e del 1 luglio a 3,295 euro rotta in occasione del ribasso 19 agosto.
COMMENTA LA NOTIZIA