Dagong Europe: entro l'anno i primi rating di emittenti europei dei settori finanziari e corporate

Inviato da Riccardo Designori il Ven, 29/11/2013 - 15:39
"Abbiamo già iniziato la nostra attività analitica su alcuni emittenti europei del settore bancario/ assicurativo e corporate e in un paio di settimane cominceremo a pubblicarne gli esiti". Ad annunciarlo a margine dei China Awards 2013, organizzati dalla Fondazione Italia Cina presso il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia 'Leonardo da Vinci' di Milano, è stato Mauro Alfonso, direttore generale di Dagong Europe Credit Rating.

L'obiettivo della divisione europea dell'agenzia di rating cinese è quello di "conquistare una quota di mercato di almeno il 5% in cinque anni, con ricavi per circa 10 milioni di euro". Prospettive che dovrebbero permettere alla sede milanese di portare a 50 i lavoratori impiegati.

Dagong Europe, joint venture che ha come soci Dagong Global Credit Rating con il 60% del capitale e il fondo di private equity Mandarin Capital Partners con il 40%, è la prima agenzia di rating con soci della Repubblica Popolare Cinese ad essere stata autorizzata ad operare in Europa. Come agenzia di rating registrata, i rating emessi da Dagong Europe possono essere quindi utilizzati a fini regolamentari ai sensi della legislazione UE.

L'attività di Dagong Europe, come da obblighi regolamentari, è tuttavia indipendente da Dagong Global, e si concentra sui corporate credit ratings, da assegnare sia a società finanziarie che non finanziarie.

La registrazione di Dagong Europe Credit Rating è stata formalmente approvata dall'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) con effetto dal 13 giugno scorso.

"Questa iniziativa ha una forte valenza strategica per il mercato globale dei capitali, che necessita di procedere in maniera efficiente verso una maggiore integrazione degli operatori cinesi. Il nostro contributo, esclusivamente tramite l'assegnazione dei rating, sarà quello di rendere più semplice per gli emittenti europei di obbligazioni l'accesso agli investitori cinesi e, contestualmente, di rendere più semplice per questi investitori la comprensione dei mercati europei", ha aggiunto nel suo intervento Mauro Alfonso.

"Stiamo portando una voce alternativa in un mercato, quello del rating, che necessita di maggiore concorrenza", ha evidenziato il manager di Dagong Europe, evidenziando come "da quello che vediamo sono in molti quelli disposti ad ascoltarla".

Prima di concludere, Alfonso ha infine annotato con una certa soddisfazione come Dagong Europe sia "l'unico player internazionale della finanza ad avere l'headquarter europeo in Italia", fattore che "attira professionalità di altissimo profilo da molti paesi del mondo e, da italiano, spero che ciò possa essere replicato da altre aziende internazionali".
COMMENTA LA NOTIZIA