1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Da sprint mercati e Pil australiano nuova sponda all’aussie

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Sotto i riflettori anche oggi il dollaro australiano che prosegue il movimento di recupero favorito dalla buona intonazione dei mercati. Il cosiddetto aussie è salito questa mattina fino a 1,03 rispetto al dollaro statunitense. Nel quarto trimestre del 2012 il Pil australiano ha segnato un progresso dello 0,6%, in linea con le attese e sopra il +0,5% del trimestre precedente. Su base annua la ricchezza prodotta dal Paese è cresciuta del 3,1%, in linea con il dato precedente ma leggermente meglio del +3% stimato dagli analisti. “Il cross AUD/USD si è spinto oggi verso 1,03 con il Pil australiano che non ha offerto sorprese negative – commenta oggi Tim Waterer, senior trader di CMC Markets – con il dollaro australiano supportato dall’attuale spinta generale sui mercati per i rendimenti in scia ai guadagni di Wall Street”.

Seduta al momento interlocutoria per l’euro/dollaro che si mantiene in area 1,303 dollari. Cresce l’attesa per la riunione di domani della Bce con il consensus concorde nel ritenere che i tassi rimarranno invariati allo 0,75%, ma la crescente debolezza della congiuntura dell’eurozona potrebbe indurre l’Eurotower a muovere al ribasso i tassi, se non questo mese nel corso del prossimo trimestre. Sul fronte macro confermato il calo dello 0,6% t/t del Pil dell’eurozona nel quarto trimestre 2012.

Oltreoceano attesa per la stima Adp di febbraio sui nuovi occupati nel settore privato (consensus +170 mila dai +192 mila di gennaio), consueto antipasto delle non farm payrolls di febbraio in agenda venerdì (consensus +160mila da +157mila di gennaio).

Commenti dei Lettori
News Correlate
RINNOVABILI

Falck Renewables: acquisite due società svedesi

Falck Renewables oggi ha perfezionato l’acquisizione del 100% di due società a responsabilità limitata (Aliden Vind AB e Brattmyrliden Vind AB), che possiedono due progetti pronti per la costruzione in …

MERCATI

Borse europee chiudono piatte

Dopo una prima parte incerta, chiusura di ottava intorno alla parità per le borse europee. Tra le cause della risalita troviamo le indicazioni migliori delle stime arrivate dai dati macro: …