1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

D. Choe: l’andamento dell’inflazione in Europa è destinato a sostenere l’euro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Giornata di rialzi per la moneta unica. La risalita dell’euro, iniziata nella prima parte, si è consolidata nel pomeriggio in corrispondenza dell’uscita dei dati macro statunitensi. Per quanto riguarda gli aggiornamenti europei, sopra le stime l’inflazione di gennaio, salita del 2,4% annuo, dal 2,2% precedente e maggiore del 2,3% atteso dal mercato. Si tratta dell’incremento maggiore dall’ottobre 2008.

Indicazioni opposte dagli Stati Uniti, dove il PCE core, l’indice dei prezzi delle spese per consumi personali in versione depurata delle componenti più volatili, a dicembre non ha registrato variazioni congiunturali, contro il +0,1% m/m del consenso. Da IG Markets David Choe rileva come il differenziale di inflazione “sosterrà l’euro nei prossimi mesi, poiché è chiaro che gli Stati Uniti sono ancora lontani dall’aumento dei tassi”.

Ma la risalita della moneta unica ha beneficiato anche dei dati relativi redditi e consumi a dicembre. A fronte di +0,4% m/m messo a segno dai redditi, le spese dei consumatori sono aumentate dello 0,7%. Sopra le stime anche l’indice Pmi, salito a 68,8 punti a gennaio. In questo momento per acquistare un euro sono necessari 1,3701 dollari.

L’euro guadagna terreno anche contro lo yen (112,9 yen) mentre l’incrocio dollaro-yen scambia a 81,970. Dopo i rialzi di venerdì in scia delle notizie in arrivo dall’Egitto, oggi la moneta nipponica ha risentito del calo della domanda di beni rifugio.

Commenti dei Lettori
News Correlate
ASTA BOND

Italia: Tesoro, martedì prossimo in asta titoli fino a 3,5 miliardi

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze nell’asta in calendario il prossimo 27 giugno collocherà CTZ e BtpEi per 3-3,5 miliardi di euro. Nel dettaglio, saranno messi sul mercato CTZ 24 mesi per 2-2,5 miliardi e BtpEi per 0,5-1 miliardo di euro.

RATING

Creval: Fitch taglia rating, outlook è negativo

Fitch Ratings ha ridotto il rating a lungo termine del Credito Valtellinese a “BB-“ da “BB” e il Viability Rating a “bb-“ da ”bb”, già posti sotto osservazione con implicazioni negative lo scorso 24 marzo. L’outlook è negativo.

MERCATI

Borse europee piatte, bancari ed energetici sotto tono

Banche ed energetici penalizzano la seduta dei listini europei. A Londra il Ftse100 ha terminato a 7.439,29 punti, -0,11%, mentre a Madrid l’Ibex si è fermato a 10.709,90, -0,29%. Incremento dello 0,15% invece per Francoforte e Parigi, salite rispet…