1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Ctz, domanda molto solida mostra che rischio Paese rimane intatto

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il Tesoro ha collocato questa mattina 3,5 mld di euro di Ctz a 2 anni di nuova emissione. Il rendimento è schizzato al 2,4% dall’1,11% dell’emissione precedente, mentre il bid-to-cover si è attestato all’1,48 dal precedente 1,57.

Il rialzo dei rendimenti è stato molto importante, anche se un po’ ha impattato la diversa maturity tra il titolo odierno e quello collocato a fine maggio (dicembre 2014 al posto di giugno 2015).

Buoni segnali sono arrivati invece dalla domanda, visto che il rapporto di copertura è rimasto sostanzialmente stabile, nonostante il Tesoro abbia collocato 1 miliardo in più rispetto all’asta di maggio (2,5 mld di euro). Quindi l’effetto netto è stato positivo.

Tutto sommato questa prima emissione della settimana ha reso evidente quello che sul mercato secondario abbiamo visto nei giorni precedenti. Sul lato domanda, riteniamo che il buon esito odierno abbia mostrato come i titoli italiano conservino comunque una certa appetibilità man mano che salgono i tassi.

Questo ci induce ad affermare che il rialzo dei rendimenti nell’ultima settimana sia dipeso più da un andamento generalizzato del comparto governativo mondiale e non a un maggiore rischio Paese percepito sull’Italia.

D’altronde era abbastanza chiaro vedendo il comportamento del Bund nonostante il forte calo azionario. L’andamento odierno ci fa propendere per un buon esito anche per le aste Bot di domani e quelle Btp di giovedì.

VINCENZO LONGO
Market Strategist IG