1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Crowdfunding: in Italia il giro d’affari è cresciuto dell’85%

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
La sharing economy e il crowdfunding prendono piede in Italia con un incremento di piattaforme, utilizzatori e di giro d’affari. È il risultato di due ricerche presentate a Sharitaly
Aumentano in Italia le piattaforme dedicate alla sharing economy, ossia allo scambio e alla condivisione di beni e servizi mentre il giro d’affari del crowdfunding, il finanziamento collettivo che vede protagonisti i singoli individui. Sono i risultati di due ricerche presentate a Sharitaly, evento organizzato da Collaboriamo e TRAILab.
Secondo lo studio “Sharing economy: la mappature delle piattaforme italiane 2015” a cura di Collaboriamo e Phd Italia le piattaforme di economia collaborativa in Italia sono 187, il 35,5% in più rispetto all’anno scorso. Di queste 118 sono riconducibili all’attività di condivisione di servizi, beni, conoscenze, 69 sono dedicate al crowdfunding. Per questo sottosettore l’aumento rispetto al 2015 è del 68,2%.
Nonostante l’incremento dell’offerta la domanda ha ancora molti margini di crescita. Il 51% delle piattaforme di sharing ha un numero di utenti inferiore a 5.000. In compenso l’11% ne registra oltre 100mila, un numero che inizia a permettere alle piattaforme di innescare circoli virtuosi. Lo stesso vale per le piattaforme di crowdfunding: il 49% ha un numero di donatori inferiore a 500, il 9% supera i 50.000″. 
Nel complesso il giro d’affari delle piattaforme dove ci si presta denaro tra utenti senza intermediari finanziari è cresciuto dell’85% da inizio 2015 rispetto al 2014 arrivando a toccare i 56,8 milioni di euro, spiega lo studio “Il crowdfunding in Italia. Report 2015: statistiche, piattaforme e trend” effettuato da TRAILab e Università Cattolica. Il 45% delle 69 piattaforme attive si basa su ricompense, il 19% su donazioni, un altro 19% è rappresentato dalle piattaforme equity e il 4% si fonda sul debito. 
Nel mercato Italiano iniziano a intravedersi alcune piattaforme che crescono e si consolidano. Manca tuttavia un ecosistema capace di far decollare questi servizi. L’81% delle piattaforme di sharing e il 65% di quelle di crowdfunding dichiara di aver utilizzato prevalentemente risparmi personali per lanciare il servizio. Ancora minime le percentuali riservate a forme di investimento più strutturate. 
Commenti dei Lettori
News Correlate
Commessa per AW109 GrandNew

Leonardo debutta nel mercato elicotteristico irlandese

Leonardo si aggiudica un nuovo affare questa volta in Irlanda. La società guidata da Alessandro Profumo e il distributore ufficiale dei suoi elicotteri civili nel Regno Unito e in Irlanda, …

Documento per summit Argentina

Fmi, G20: “Italia eviti stimoli di bilancio pro-ciclici”

Da evitare gli stimoli di bilancio pro-ciclici per paesi come l’Italia dove la posizione è vulnerabile alla perdita di fiducia del mercato. Così scrive il documento preparato dal Fondo monetario …

Riservato a investitori istituzionali

Banco Bpm lancia nuovo covered bond

Banco Bpm ha lanciato un nuovo covered bond riservato a investitori istituzionali e qualificati e una volta emesso verrà quotato alla borsa del Lussemburgo. Il bond ha come sottostante un …

Report dell'agenzia di rating

Moody’s: con Iliad in Italia la più colpita Wind Tre

L’ingresso di Iliad nel mercato italiano ridurrà i ricavi da servizi dei tre operatori presenti, Wind Tre, Telecom Italia e Vodafone. Il calo sarà nel dettaglio del 4-6% solo nel …