Crollo del prezzo del Bitcoin dopo altolà di Pechino e parole Greenspan

Inviato da Titta Ferraro il Gio, 05/12/2013 - 12:30
Indietro tutta delle quotazioni del Bitcoin dopo la presa di posizione della banca centrale cinese che ha vietato alle istituzioni finanziarie cinesi di scambiare questa moneta virtuale. Il prezzo è sceso con decisione sotto la soglia dei 1.000 dollari dai 1.138 di avvio giornata. Toccato un minimo a 870 dollari per poi attestarsi a 954 dollari.
In una nota diffusa oggi sul proprio sito web l'istituto centrale cinese ha precisato che "monitorerà attentamente i rischi associati con l'uso del Bitcoin, rischi che includono l'eventuale uso della moneta per attività illegali attività e per la speculazione". Ieri l'ex presidente della Fed, Alan Greenspan, aveva parlato apertamente di bolla per il Bitcoin il cui prezzo è salito di 89 volte in un anno. Intervistato da Bloomberg Television l'87enne ex numero uno della Fed ha inoltre sottolineato che "il denaro virtuale non è una valuta".


TAG:
COMMENTA LA NOTIZIA