Crolla potere d'acquisto italiani. Propensione al risparmio ai minimi a 22 anni

Inviato da Titta Ferraro il Gio, 03/10/2013 - 12:11
I dati Istat sul 2012 evidenziano una situazione di profonda difficoltà per l'Italia con il reddito disponibile delle famiglie consumatrici che è sceso in termini correnti del 2%. Il relativo potere d'acquisto è diminuito del 4,7%, il calo percentuale più pronunciato dal lontano 1990, ossia dall'inizio delle serie storiche. La propensione al risparmio delle famiglie è scesa all'8,4% dall'8,8% del 2011. Si tratta del livello più basso degli ultimi 22 anni.
COMMENTA LA NOTIZIA