1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Crolla Piazza Affari, in scia taglio stime crescita Bce. Tonfo dei bancari -1

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Tonfo per la Borsa di Milano, dopo un temporaneo rialzo subito dopo il taglio dei tassi d’interesse dello 0,25% all’1% deciso dalla Bce. A pesare sulla virata la forte revisione al ribasso delle stime di crescita previste nell’Eurozona nel 2012 e annunciate dal governatore della Banca centrale europea, Mario Draghi. Il presidente ha inoltre annunciato una serie di misure destinate ad avere un forte impatto sulla capacità delle banche di raccogliere liquidità. Nuova fiammata per lo spread Btp-Bund: dopo una partenza in area 389 punti base il differenziale di rendimento tra i titoli di stato decennali italiani con i tedeschi è salito a quota 439 punti base con il rendimento dei Btp decennali al 6,3%. Buone nuove da Fitch, che ha promosso il piano di austerità presentato da Mario Monti. La manovra, secondo l’agenzia internazionale, ha allentate le tensioni sul rating dell’Italia nel breve periodo. Adesso tutti gli occhi sono puntati alla riunione dei capi di Stato e di governo europei in programma questa sera, in cui si deciderà il destino della moneta unica. E così a Piazza Affari il Ftse Mib è crollato sotto i 15 mila punti a quota 14.979,07 in calo del 4,29% e il Ftse All Share ha perso il 3,85 a 15.763,69 punti.