1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Crolla la Borsa di Milano. Tonfo di Eni, banche in profondo rosso -2-

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Profondo rosso per il comparto bancario: Unicredit ha ceduto il 5,75% a 1,869 euro, Banco Popolare il 5,46% a 2,56 euro, Intesa SanPaolo il 5,13% a 2,40 euro, Popolare di Milano il 5,13% a 2,97 euro, Ubi Banca il 5,10% a 7,44 euro, Monte dei Paschi il 4,23% a 0,961 euro, Mediobanca il 4,50% a 7,54 euro. Fiat pesante in Borsa dopo aver annunciato il fallimento delle negoziazioni con la russa Sollers avviate con il MoU siglato all’inizio di febbraio per la costituzione di una joint venture per la produzione in Russia di auto e Suv. Secondo il sito Automotive News le cause del disaccordo sarebbero incentrate su investimenti e volumi produttivi. Di conseguenza Sollers ha preferito siglare un accordo con la Ford. A Piazza Affari il titolo Fiat Spa ha ceduto il 3,39% a 6,84 euro, sotto il prezzo di 6,95 euro dei primi scambi del 3 gennaio, primo giorno di contrattazioni post scissione.