1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Risparmio ›› 

Crisi: si parte per le vacanze a rate

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’estate 2012 è iniziata ufficialmente da meno di una settimana, ma già da tempo è scattata la ricerca dei prestiti per le vacanze. Quest’anno le ferie si prospettano più “magre” per i turisti italiani e pur di farle i vacanzieri ricorrono a un prestito. Nella gamma dei bisogni il periodo di vacanze ha infatti raggiunto i primi posti, anche se in tempo di crisi le caratteristiche mutano: soggiorno breve e a basso costo, magari ‘fai-da-te’. Secondo un’indagine condotta dal portale PrestitiSupermarket.it – effettuata su 20mila richieste di prestito raccolte nei primi 5 mesi del 2012 ‐ l’importo medio per le vacanze da prendere “al volo” è intorno ai 4.080 euro. È interessante soffermarsi sull’importo che rimane consistente, considerando la propensione sempre più diffusa ad includere nella spesa non solo il vero e proprio acquisto del pacchetto vacanza, ma anche le cosiddette ‘spese extra’, che si sostengono nel corso del soggiorno. A che età ci si indebita pur di andare in vacanza? Dalla ricerca emerge che l’età media dei richiedenti di un prestito in Internet è 40 anni, con un 41% di domande concentrate in questa fascia fino ai 50. Valigie pronte anche per i trentenni: con il loro 25% rappresentano una buona parte di domanda, che quasi si dimezza al 13% per gli ultracinquantenni. Bollino praticamente nero invece se consideriamo gli over 60 anni, che al 6% rappresentano una fetta minima tra coloro che accendono un finanziamento online. Si assiste dunque ad una forte concentrazione nella classe d’età tra i 31 e i 50 anni, che raggiunge una percentuale complessiva pari al 66% delle richieste.
Lungo lo Stivale è la Lombardia la regione dove si concentra la maggioranza dei richiedenti di prestiti (circa il 25% del campione osservato), seguita da Lazio ed Emilia Romagna (12,5%), Sardegna (10%) e Veneto (8%). Anche in termini di entità, la Lombardia conferma la sua leadership con importi medi pari a 8.800 euro, seguita da Umbria (6.200) e da Emilia Romagna (2.500).