1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Crisi: segnali positivi dagli Usa ma servono politiche di sostegno alla ripresa in tutto il mondo (Blackrock)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’attuale situazione economica mondiale mostra segnali positivi, ma perchè il miglioramento sia reale è necessario l’impegno di tutti i governanti del mondo. Lo dice Bob Doll, Chief Equity Strategist di Blackrock, il quale nota come il trend, soprattutto negli Stati Uniti, sia quello di una lenta crescita. Ad esempio, il settore delle abitazioni sta guadagnando terreno ma, nota Doll, attraverso l’uso dei risparmi di settore per spingere gli investimenti, il che non è una pratica sostenibile. Quanto alle trimestrali corporate Usa, solo il 20% di queste sono state presentate, ma in maggioranza sono state oltre le attese. A incidere davvero sull’economia sono state però, negli ultimi mesi, le politiche monetarie e fiscali. “Il rally cominciato lo scorso anno e durato fino a circa un mese fa è stato innescato almeno in parte dagli annunci della Bce per una maggiore aggressività nel sostegno della liquidità e della crescita. Guardandoci indietro, il declino nei prezzi azionari del 2010 si è fermato quando la Fed ha annunciato il suo programma di QE2”. Il problema, secondo l’analista di Blackrock, è che la liquidità messa a disposizione dalle banche centrali ha faticato ad entrare nell’economia reale a causa della reticenza delle banche a prestare e della debole domanda di credito, che tuttavia sta dando nuovi segnali positivi di crescita almeno negli Stati Uniti. “Alcuni si domandano”, conclude Doll, “se l’attuale situazione di mercato abbia bisogno di interventi di policy per non degenerare in qualcosa di più serio. Non crediamo che servano politiche per sostenere un rally, ma se si vuole supportare una ripresa economica continua dobbiamo vedere un impegno persistente da parte dei legislatori di tutto il mondo”.