1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Crisi: Pmi italiane tagliano personale e riducono stipendi (GFK Eurisko-Zurich)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La crisi economica continua a mordere le Piccole e medie imprese. Nel corso dell’ultimo anno il 12% delle Pmi italiane ha ridotto il personale e il 9% ha dovuto contenere gli stipendi dei propri collaboratori per affrontare il perdurare della crisi economica. Una tendenza che emerge dalla seconda edizione del sondaggio internazionale, realizzato da GFK Eurisko per Zurich Insurance Group (Zurich), sull’attività delle Pmi negli ultimi 12 mesi. Per far fronte all’elevato livello di competitività e al protrarsi del calo della domanda, il 20% delle Pmi ha inoltre ridotto i prezzi; va però sottolineato che il dato, confrontato con l’edizione 2013 dell’indagine (24%), fa emergere un leggero miglioramento. La diversificazione dei prodotti (22%) e la riduzione dei prezzi (20%) sono state le strategie più adottate per attrarre nuovi clienti ed espandere l’attività. Questo segnala, secondo la ricerca, un rinnovato ottimismo soprattutto se si considera che le Pmi italiane che si sono impegnate ad ampliare l’attività verso il mercato locale (11%) e ad espandere le esportazioni (12%) sono raddoppiate rispetto all’estate 2013. E a fronte di una crescita economica che rimane modesta, l’8% delle Pmi italiane ha valutato l’opportunità di chiudere, ed è più che raddoppiato (9%) il numero delle imprese che hanno chiesto nuovi investimenti o ampliamenti delle linee di credito per proseguire l’attività e finanziare la crescita.