Crisi: Fmi vede aumento rischi su stabilità finanziaria, occorre fare di più

Inviato da Valeria Panigada il Mer, 10/10/2012 - 08:47
Il Fondo monetario internazionale (Fmi) vede maggiori rischi per la stabilità finanziaria globale e una continua volatilità sui mercati finanziari ed esorta le autorità a prendere ulteriori misure per ripristinare la fiducia. Se non lo faranno, il risultato sarà un'accelerazione della riduzione della leva finanziaria, che aumenterà il rischio di una stretta creditizia con le banche che faranno meno prestiti, e una conseguente recessione economica. Il quadro delineato dall'istituto di Washington nel suo ultimo rapporto sul settore finanziario globale, diffuso oggi. Secondo lo studio, la crescente pressione sulle banche in Europa potrebbe portare a una contrazione dell'attività stimata tra i 2,8 mila miliardi a 4,5 mila miliardi di dollari entro la fine del 2013. I rischi per la stabilità finanziaria non si limitano alla zona euro. Sia il Giappone e gli Stati Uniti devono affrontare notevoli sfide fiscali e sono chiamati dall'Fmi a intervenire rapidamente.
COMMENTA LA NOTIZIA