1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Crisi del credito, Northern Rock verso la nazionalizzazione

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il governo britannico ha annunciato ieri la nazionalizzazione delle attività di Northern Rock, la banca specializzata nella concessione di mutui entrata in crisi a partire dalla scorsa estate in conseguenza della crisi dei subprime. Il governo britannico è dunque il nuovo proprietario di Northern Rock e lo sarà, secondo quanto fatto sapere dallo stesso esecutivo, almeno fino a quando non sarà trovato un compratore. Nelle scorse settimane avevano espresso il loro interesse per Northern Rock un consorzio guidato dal gruppo Virgin, il gruppo di private equity Olivant Advisers e alcuni membri del cda della stessa banca.


 

Le azioni Northern Rock saranno dunque sospese nella giornata di oggi. I titoli saranno comprati dal governo che ha già affidato a una società indipendente il compito di determinare la valutazione da assegnare agli attuali azionisti.

 

In agosto alla banca erano iniziate a venire meno le fonti di finanziamento. Northern Rock rivendeva infatti le securitization dei mutui erogati a investitori istituzionali, che per effetto del contagio della crisi subprime anche in Europa hanno smesso di comprare tali titoli. Tanto da spingere la banca a richiedere prestiti di emergenza alla Banca d’Inghilterra e i clienti a intraprendere una corsa agli sportelli per ritirare i propri risparmi. Sul suo sito internet la banca ha invece chiarito che la nazionalizzazione non avrà effetti per i suoi clienti, sui cui depositi è peraltro già attiva una garanzia statale.  

 

La nazionalizzazione di Northern Rock è un avvenimento in parte simile a quello del luglio scorso in Germania, quando la banca Ikb era stata rilevata dall’istituto statale Kfw Group, ma è solo l’ultimo capitolo in ordine di tempo di una crisi che ha già provocato svalutazioni per oltre 100 miliardi di dollari e che ha visto tre dei gruppi maggiormente colpiti, Citigroup, Merrill Lynch e Ubs, costretti a fare ricorso a iniezioni di capitali da fondi sovrani mediorientali o asiatici.