Crisi debito: Moody’s boccia il Portogallo. Possibile secondo piano di aiuti anche per Lisbona

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Mentre in Grecia rimane in primo piano il varo del secondo piano di aiuti, torna ad allungarsi in Europa l’ombra del contagio all’indomani della bocciatura di Moody’s  sul Portogallo. L’agenzia di rating statunitense ha declassato di quattro gradini il merito di credito lusitano. Il giudizio è stato portato da “Baa1” a “Ba2”, precipitando nella categoria dei rating speculativi definiti “junk”, ovvero spazzatura. Abbassato anche il debito a breve termine da “prime-2” a “not-prime”. E’ stato infine assegnato l’outlook negativo, segnale che potrebbero arrivare nuovi declassamenti.


Per Moody’s il copione ellenico potrebbe ripetersi anche a Lisbona. Il Governo lusitano, secondo l’agenzia di rating, potrebbe avere bisogno di un secondo piano di salvataggio e che la partecipazione dei creditori privati venga richiesta come pre-condizione, prima di tornare sul mercato. Non solo, l’agenzia teme che Lisbona non riesca a portare a termine con successo gli impegni di riduzione del deficit e stabilizzazione del debito presi quest’anno con l’Unione Europea e il Fondo monetario internazionale.
“E’ aumentata la possibilità – spiegano da Moody’s – che il Portogallo non sia in grado di accedere al mercato dei capitali a tassi sostenibili nella seconda parte del 2013”. E aggiungono: “E’ alto il rischio che non riescano a raggiungere il target del deficit/Pil al 3% entro il 2013 dal 9,1% dello scorso anno, come previsto nel programma Ue-Fmi, alla luce delle eccezionali sfide che il Paese sta fronteggiando per ridurre la spesa, tornare alla crescita economica e supportare il sistema bancario”.

E la cancelliera Angela Merkel è sbottata, scendendo in campo contro le agenzie di rating. Si è rivolta ai creditori internazionali della Grecia, chiedendogli di non perdere la loro capacità autonoma di giudizio e non cedere ai condizionamenti da parte delle agenzie di rating. “Io credo nella capacità di giudizio della troika”, ha sottolineato Frau Merkel.

E i mercati? Dopo una partenza poco mossa, i listini europei hanno virato tutti in territorio negativo. Intorno alle 9.30 il Cac40 cede lo 0,33% a 3.965,7 punti, mentre il Dax indietreggia dello 0,2% a 7.424,52 punti. In calo anche il Ftse100 che lascia sul parterre circa lo 0,3% a 6.006,1 punti. La bocciatura di Moody’s sul Portogallo ha appesantito anche l’euro, che si mantiene sotto quota 1,44.

“La capacità di resistenza dell’euro alle notizie negative provenienti dai giudizi delle agenzie di rating ha incassato ieri un duro colpo a seguito della decisione di Moody’s di downgradare il rating del Portogallo di quattro classi, portandolo direttamente a Ba2 e di fatto rendendo evidente l’esigenza di un secondo salvataggio”, rimarcano da CMC Markets.


Intanto, oggi si daranno appuntamento a Parigi i principali istituti bancari e assicurativi europei, per vagliare il piano di rollover per evitare che possa essere considerato comunque una forma di default. Non solo, saranno chiamati a far fronte all’ultimo minuto al “caso portoghese”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

Elezioni Francia: Macron avanza nei sondaggi, a lui il 60% dei voti

Il candidato centrista Emmanuel Macron avanza nei sondaggi. Secondo l’ultima indagine Opinionway-Orpi per Les Echos e Radio Classique, Macron batterebbe nel secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia la rivale Marine Le Pen con il 60% dei …

Inflazione Eurozona torna ad accelerare, aumentano pressioni su Bce

L’inflazione della zona euro torna ad approcciare il target del 2% perseguito dalla Bce mostrando inoltre una decisa accelerazione ad aprile della componente core, ossia l’inflazione di fondo, salita ai massimi a quasi 4 anni. Indicazioni che vanno a…