Crisi: per Credit Suisse, le decisioni dovranno essere prese al summit del 23 ottobre

Inviato da Valeria Panigada il Ven, 14/10/2011 - 12:37
Le decisioni importanti contro la crisi del debito sovrano dell'Eurozona verranno prese non durante il G20, in agenda oggi e domani a Parigi, ma durante l'Eurogruppo fissato per il prossimo 23 ottobre. Ne è convinto Credit Suisse: "Le incertezze rimangono, ma i rapporti suggeriscono che un accordo su diverse questioni chiave sarà raggiunto nel summit del 23 ottobre", si legge nella nota di oggi. Secondo il broker svizzero, l'incontro di fine mese farà maggiore chiarezza sul pacchetto di salvataggio della Grecia e sulla possibile evoluzione del fondo salva stati Efsf, oltre che a un piano per la ricapitalizzazione della banche europee. E proprio su quest'ultimo punto, Credit Suisse invita a un intervento rapido. "Le condizioni di prestito delle banche si sono inasprite nel terzo trimestre e peggioreranno nel quarto trimestre dell'anno, la loro capacità di accedere al finanziamento a lungo termine del mercato è estremamente compromessa - sottolinea il broker elvetico - Se queste sollecitazioni non si risolvono subito, è probabile che le condizioni di credito per le imprese verranno strette in modo grave, con un conseguente aumento della prospettiva di una profonda recessione nell'area dell'euro. Azioni per sostenere la fiducia nelle banche devono essere intraprese rapidamente, evitando un altro lungo lasso di tempo tra l'annuncio e l'implementazione".
COMMENTA LA NOTIZIA