CreVal: fusione Credito Artigiano, prezzo recesso fissato a 0,91 euro per azione

Inviato da Flavia Scarano il Gio, 21/06/2012 - 14:14
Quotazione: CREDITO VALTELLINESE
Credito Valtellinese, a seguito del perfezionamento della fusione e previo annullamento delle azioni ordinarie Credito Artigiano concambiate, procederà all'aumento del proprio capitale sociale per un massimo di nominali 215.971.850,50 euro, mediante emissione di massime 61.706.243 nuove azioni ordinarie, da attribuire agli azionisti di Credito Artigiano, secondo il seguente rapporto di cambio: 0,7 azioni ordinarie Credito Valtellinese per ogni azione ordinaria di Credito Artigiano. Gli azionisti che non hanno concorso alla delibera assembleare sulla fusione per incorporazione possono esercitare il diritto di recesso a 0,91 euro per azione. Tale diritto, si legge nella nota diramata dalla società, dovrà essere spedita al Credito Artigiano entro 15 giorni dalla data di iscrizione e dunque entro e non oltre il 6 luglio. Inoltre, la stipula dell'atto di fusione è subordinata alla condizione che il diritto di recesso da parte degli azionisti del Credito Artigiano non sia esercitato dagli stessi per una percentuale del capitale sociale superiore all'11,297%, e cioè pari al 50% del capitale sociale di Credito Artigiano non detenuto da Credito Valtellinese.
COMMENTA LA NOTIZIA