1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Cresce l’interesse per i bond in dollari (Fondionline.it) -2

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

In ogni caso, non sembra che l’investimento in bond statunitensi sia un’opzione da scartare se si può contare su un orizzonte temporale medio-lungo. I fondi comuni di investimento rappresentano un ottimo veicolo per investire in questa asset class. La gamma di strumenti offerta dalle case di investimento domestiche ed estere è molto ampia, e copre tutti i segmenti della curva dei rendimenti.
Tuttavia, per gli investitori che si soffermino sulle performance ottenute lo scorso anno sarà bene precisare che non si tratta di un’opzione adatta a chi ha un profilo orientato alla prudenza. La volatilità del tasso di cambio fa sì che le performance in euro siano condizionate dalle oscillazioni di tale cross. In Europa, i fondi obbligazionari che puntano sulle emissioni a breve e lungo termine denominate in Usd hanno chiuso il 2006 con rendimenti medio annui rispettivamente del – 6,6% e -7,86%. Al contrario, nel 2005 i rendimenti sono stati molto positivi (compresi in un range 15%-18%).
I flussi di investimento registrati dalle diverse categorie di fondi hanno solitamente una chiara correlazione con il comportamento delle diverse asset class (anche se possono subire l’influenza di altri fattori). Curiosamente, gli ultimi dati dimostrano che nel 2006 i flussi di investimento destinati ai fondi obbligazionari Usd si sono impennati a partire dalla seconda metà dell’anno. I flussi totali di investimento destinati dagli investitori europei a tale categoria hanno raggiunto i 27.000 milioni di euro. Sembrerebbe dunque che lo sforamento di quota 1,30 abbia rappresentato un punto di ingresso per gli investitori interessati a diversificare il proprio portafoglio sui titoli di debito in Usd. A cura di www.fondionline.it