Credit Suisse: perdita per 700 mln di franchi nel II trimestre, pesa accordo negli Usa

Inviato da Daniela La Cava il Mar, 22/07/2014 - 08:46
Quotazione: CREDIT SUISSE GRP R
Trimestre in rosso per Credit Suisse. Nel secondo trimestre del 2014 la banca svizzera ha registrato una perdita netta di 700 milioni di franchi svizzeri in scia all'impatto sui conti dell'accordo relativo alle controversie negli Stati Uniti. Nel periodo in esame i ricavi di Credit Suisse si sono invece attestati a 6,43 miliardi di franchi rispetto ai 6,83 miliardi dell'analogo periodo nel 2013.

"I risultati pubblicati per il secondo trimestre e il primo semestre 2014 subiscono l'effetto dell'accordo che ha chiuso la nostra maggiore controversia legata ad attività passate - ha affermato Brady W. Dougan, numero uno del gruppo elvetico - Nel trimestre abbiamo continuato a registrare un buon dinamismo nell'attività con i clienti compiendo al contempo progressi significativi nella liquidazione delle unità non strategiche. I risultati delle attività strategiche sono solidi, a dimostrazione della buona tenuta del nostro modello di business a fronte del rallentamento dell'attività di trading dei clienti in alcune aree con impatto sia per private banking & wealth management che per investment banking".
COMMENTA LA NOTIZIA