1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Rating ›› 

Credit Suisse invita a rimanere cauti sui semiconduttori europei

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

È prematuro fare shopping nel settore dei semiconduttori. È questo il consiglio di Credit Suisse che in un report diffuso oggi ha messo in evidenza come “questo comparto abbia fatto peggio (underpeform) del mercato, con l’indice dei semiconduttori Soxx che ha perso circa il 10% da inizio anno ad ora e con i titoli del Vecchio continente che hanno sofferto molto di più”. Anche se gli investitori appaiono tentati di rientrare nel settore, secondo la banca d’affari svizzera sarebbe una mossa “prematura”: da un lato la crescita dei componenti integrati continua a peggiorare, dall’altro lato la debolezza del dollaro e il quadro macro non saranno certo d’aiuto nei prossimi mesi. Secondo Credit Suisse, uno problemi principali è la corsa irrefrenabile dell’euro sul biglietto verde, che impatterà sui margini operativi 2008/2009 delle compagnie europee del settore e condurrà a un ribasso dei guadagni. Tra le singole società, Credit Suisse invita a rimanere cauti su StMicroelectronics e Infeneon. Il broker ha infatti tagliato la raccomandazione sulla società tedesca , portando il rating da “outperform” a “neutral” e fissando il target price a 5 euro, mentre ha tagliato le stime sull’utile per azione del gruppo italo-francese del 18,4% e del 19,9% nel 2008/9 rispettivamente a 0,75 e 0,86 dollari per riflettere una minore crescita e un ribasso dei margini. Rimane positivo il giudizio di Credit Suisse su Asml, ne ha infatti reiterato il giudizio “outperform” e limato il tp a 20 euro per azione.