Il credit event greco penalizza Wall Street

Inviato da Luca Fiore il Sab, 10/03/2012 - 10:31
Nonostante un calo nell'ultima parte, Wall Street termina l'ottava con il segno più. Nell'ultima ora di contrattazione gli indici statunitensi sono stati spinti al ribasso dalla notizia del "credit event" greco. L'Isda (International swaps and derivatives association) ha annunciato che l'attivazione delle Cac, le clausole di azione collettiva, ha fatto scattare "l'evento creditizio" che permetterà agli acquirenti dei Cds (Credit default swap), le polizze per proteggersi dall'insolvenza di un debitore, di essere rimborsati. Il Dow ha così terminato in rialzo dello 0,11% a 12.922,02 punti, +0,36% per lo S&P che si porta a 1.370,87 e +0,6% del Nasdaq che chiude l'ottava a 2.988,34. Su base settimanale i tre indici hanno rispettivamente messo a segno un -0,43, un +0,09 ed un +0,41 per cento. Nella prima parte l'andamento della piazza statunitense è stato sostenuto dalle indicazioni migliori delle attese arrivate dal mercato del lavoro che a febbraio ha evidenziato un saldo delle buste paga positivo per 227 mila unità. Si tratta del terzo mese consecutivo in cui la crescita delle payrolls supera le 200 mila unità. Stabile all'8,3% il tasso di disoccupazione. Tra gli altri dati del giorno, +0,4% per le scorte all'ingrosso e -52,57 miliardi per la bilancia commerciale a gennaio (consenso -49 miliardi). Quest'ultimo dato ha spinto Goldman Sachs (+0,1%) a ridurre la stima sulla crescita della prima economia nel primo trimestre dal 2 all'1,8%.

Tra le altre storie del giorno -1,01% per Texas Instruments che ha rivisto al ribasso la guidance su ricavi e utili del primo trimestre fiscale 2012 e +0,59% per Apple che investirà 304 milioni di dollari nella costruzione di un nuovo campus ad Austin, in Texas. Deciso segno più per Starbucks (+2,92%) che ha toccato i nuovi massimi storici in scia della presentazione della nuova macchina per il caffè espresso Verismo. Di riflesso, la notizia ha spinto pesantemente al ribasso Green Mountain (-15,72%) che produce le macchine per il caffè Keurig e K-Cups utilizzate dalla catena nata a Seattle. Per quanto riguarda i giudizi, segno più per Lennar (+3,08%), Toll Brothers (+2,6%) e DRHorton (+6,25%) promosse dal Credit Suisse da "neutral" a "outperform".
COMMENTA LA NOTIZIA