Covered warrant: deficit pubblico e bilancia commerciale Usa

Inviato da Redazione il Gio, 10/03/2005 - 10:20
Si appesantisce il quadro generale dei mercati azionari mondiali. La seduta di metà settimana è stata agitata da brutti presentimenti. E' proseguito il rialzo del petrolio, solo leggermente attenuato dal buon dato sulle scorte di petrolio statunitensi ed è proseguita la debolezza del dollaro in vista degli importanti dati sul deficit pubblico mensile a febbraio (oggi) e del dato sulla bilancia commerciale Usa a gennaio (domani) stimati rispettivamente a -93,5 e a -56 miliardi di dollari. Oggi, oltre al dato sul Pil italiano nel quarto trimestre del 2004 (consensus -0,3%), l'attenzione sarà concentrata verso gli Usa da dove arriveranno le nuove richieste di sussidi di disoccupazione stimati stabili a 310.000 unità e il dato sulle scorte aziendali a gennaio (stima +0,7%). Per chi vuole puntare sul rialzo del Dow Jones sono disponibili, tra le altre, le call di Goldman Sachs con strike 10.500, 11.000 o 11.500 punti in scadenza a giugno oppure le call 12.000 di Société Générale in scadenza a settembre. Al ribasso il mercato offre la put di Unicredito con strike 11.000 e scadenza a giugno, le put 10.500, 10.000 e 9.500 di Goldman Sachs in scadenza a giugno oppure infine la put 9.000 di SocGen in scadenza a settembre.
COMMENTA LA NOTIZIA