Covered, Philly Fed e sussidi di disoccupazione Usa

Inviato da Redazione il Gio, 16/06/2005 - 10:15
L'impennata dei prezzi del petrolio ha rovinato la seduta di ieri sulle borse europee che non hanno potuto poi godere, come Wall Street, del ritracciamento dell'oro nero e della serenità emanata in serata dal Beige Book della Fed. Potranno recuperare oggi, in una seduta meno ricca di dati macro ma ugualmente interessante. Nel nostro Paese è già stato reso nota la bilancia commerciale di aprile, come previsto in pesante passivo a -1,35 miliardi di euro poco sopra le aspettative del mercato (-1,4 miliardi) e in forte peggioramento da marzo (-865 miliardi). A metà mattina arriverà l'indice dei prezzi al consumo della zona Euro a maggio (consensus +0,3% e +1,5% per il dato core) mentre dagli Stati Uniti arriveranno nel pomeriggio le nuove richieste di sussidi di disoccupazione, attese invariate a 330.000, le nuove costruzioni residenziali a maggio, stimate in crescita a 2,05 milioni e l'indice Fed di Philadelphia con un consensus a 10 punti dopo il crollo di maggio a 7,3. Al rialzo sull'Eurostoxx50 sono disponibili, tra le altre, le call di Goldman Sachs con strike 3.000 e 3.500 punti in scadenza a settembre, mentre sul ribasso ci si può rivolgere alle put 2.750 sempre di Goldman Sachs in scadenza a settembre.
COMMENTA LA NOTIZIA