1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Covered, in arrivo i dati sull’inflazione europea

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

E’ un primo bilancio negativo quello giunto ieri dai primi dati macro statunitensi comprensivi dell’effetto Katrina. Sia l’Empire manufacturing che il Philadelphia Fed sono caduti pesantemente, il primo a 17 punti dai 23 di agosto sostanzialmente in linea con le attese, il secondo a 2,2 da 17,5 e largamente oltre le attese a 14. In calo le componenti nuovi ordini e occupazione mentre è salito l’indice dei prezzi. Il che non lascia tranquilli con riferimento all’inflazione attesa in crescita nelle prossime rilevazioni a causa dell’impennata del petrolio di fine agosto/inizio settembre. La seduta che conclude l’ottava ha in agenda il dato sulla produzione industriale in Italia a luglio stimato in calo dello 0,20% da -0,70%, l’indice dei prezzi al consumo area Euro ad agosto (consensus +0,1% m/m da -0,1% e +2,10% a/a da 2,20%). Nel pomeriggio dagli Stati Uniti l’indice sulla fiducia del Michigan è atteso in calo a 85,5 punti da 89,1 mentre acquisti netti di attività finanziarie dall’estero e deficit delle partite correnti (atteso in leggerissimo calo) rivestiranno importanza più limitata per i mercati. Per investire al rialzo sull’indice Eurostoxx50 ci si può rivolgere, tra le altre, alla call di Goldman Sachs con strike 2.500 e scadenza a dicembre, alle call 3.000 e 3.500 dello stesso emittente ma in scadenza a dicembre 2006 oppure ai minilong di Abn Amro con strike 2.300 o 2.500 e scadenza a giugno 2006. Sul ribasso sono disponibili il leverege certificate bear di Sal.Oppenheim con strike 3.600 e scadenza a marzo 2006 o i minishort 3.400 o 3.100 di Société Générale con scadenza a dicembre 2005.