1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Covered: l’Europa spera nella tregua del petrolio

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Gli effetti di Katrina sull’economia Usa devono ancora essere contabilizzati ma sui mercati è diffusa la sensazione che Greenspan potrebbe concedersi una pausa nel rialzo dei tassi di interesse non mancando di sottolineare però che la forza degli Stati Uniti rimane intatta nel lungo periodo. Intanto il petrolio ha concesso una tregua, complice la ripresa dell’attività di raffinazione nell’area colpita dall’uragano prima di quanto previsto. In Europa l’indice Pmi non manifatturiero di agosto si è attestato a 53,5 punti da 53,3 di luglio in linea con le attese mentre a livello di singole nazioni comincia a tirare la locomotiva tedesca dove il Pmi servizi si è attetato a 54,6 da 53,8 di luglio grazie a un miglioramento sensibile della componente occupazionale. Per l’Italia ancora spine con un dato in contrazione a 48,5 da 50. Nella seduta odierna verranno resi noti i dati sulle vendite al dettaglio nell’Eurozona a luglio, previsti in calo dello 0,3% dal +0,4% di giugno, mentre la Germania cercherà un’ulteriore conferma con gli ordini all’industria di luglio che dovrebbero tuttavia registrare un calo dell’1% rispetto al mese precedente quando però il balzo era stato di ben 2,4 punti percentuali. Nel pomeriggio ritorna Wall Street con l’Ism non manifatturiero stimato a 59,5 da 60,5 di luglio. Chi ha aspettative rialziste sull’indice europeo Eurostoxx50 può rivolgersi alle call di Goldman Sachs con strike 2.500 punti e scadenza a dicembre o ai minilong certificates di Société Générale con strike 2.300 o 2.500 punti in scadenza a dicembre 2005. Al ribasso sono disponibili i certificati minishort di SocGen con strike 3.400 e 3.100 in scadenza a dicembre oppure quelli di Abn Amro con strike 3.300 o 3.100 in scadenza a gennaio 2006.