1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Covered: l’euro punta su un amorbidimento dei toni della Fed

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Apertura d’ottava con dimostrazione di forza per l’euro contro il dollaro sulle attese per la riunione della Fed di oggi. Il mercato sconta un rialzo dello 0,25% dei tassi d’interesse al 4,25% ma la vera ragione del rally va ricercata nelle attese di modifiche del comunicato di accompagnamento alla decisione che dovrebbero indicare l’avvicinarsi della fine del cammino di moderato rialzo. Ma non è facile prevedere tempi e modalità di un’eventuale stop alla politica restrittiva attivata dalla Fed, che dipenderanno dal flusso di dati macroe delle prossime settimane. A favore di un “ammorbidimento” dei toni, oltre alle minute della riunione di novembre, gioca anche il fatto che questa sarà l’ultima riunione presieduta da Greenspan che potrebbe decidere di rendere più aleatorio il comunicato e non legare così le mani al successore Bernanke. Tra gli altri appuntamenti di rilievo della seduta la produzione industriale italiana a ottobre, stimata in crescita dello 0,2% m/m (da -1,1%) e dello 0,2% a/a (da -1,6%), il sondaggio Zew tedesco di novembre, con un consensus a -53 da -55,2 per la situazione corrente e a 40,5 da 38,7 per il sentiment economico e nel pomeriggio, dagli Usa, le vendite al dettaglio di novembre (consensus: +0,5% da -0,1% m/m e +0,1% da 0,9% per la componente priva del comparto auto), e le scorte delle imprese a ottobre. Chi prevede una salita dell’euro può investire sulle call 1,15 o 1,2 rispettivamente di Société Générale o Unicredito in scadenza a marzo 2006 o sulle call 1,2 e 1,225 di Goldman Sachs in scadenza a gennaio 2006. Al ribasso sono disponibili la put di Goldman Sachs con strike 1,25 in scadenza a gennaio 2006, sulla put 1,2 di SocGen in scadenza a marzo 2006 oppure infine sulle put 1,18 di Bnl in scadenza sempre a marzo 2006 o 1,15 di Unicredito in scadenza a giugno 2006.