Covered: euro in difesa contro il dollaro

Inviato da Redazione il Mar, 04/10/2005 - 09:56
Si stanno diradando i dubbi sulla capacità di recupero dell'economia statunitense dopo gli uragani. La preoccupazione maggiore sembra essere ora per l'inflazione, con la Fed che potrebbe essere costretta a prolungare il rialzo dei tassi di interesse anche nel 2006. L'ipotesi spaventa il mercato azionario ma favorisce il dollaro. Dalla parte opposta dell'Atlantico sembra invece potersi allontanare ulteriormente il primo rialzo dei tassi di interesse da parte della Bce, dopo che lo stesso Jean Claude Trichet, solitamente fiducioso sulle prospettive del Vecchio continente, ha dichiarato che il potenziale di crescita di lungo termine dell'area Euro è più vicno al 2% che al 2,5% sottolineando la necessità di riforme che proprio in questo momento vengono messe in dubbio in Germania con la prospettiva della formazione di una Grande coalizione di governo. Un altro punto a sfavore dell'euro. I prezzi saranno al centro dell'attenzione oggi, con l'uscita dell'indice dei prezzi alla produzione di Eurolandia ad agosto. Il consensus prevede un andamento stabile al 4% rispetto al mese di luglio. Sempre nel Vecchio continente verrà diffuso il tasso di disoccupazione ad agosto (stabile all'8,6% il consensus). Nel pomeriggio dagli Stati Uniti arriveranno gli ordini di fabbrica, dato di agosto, con il mercato che prevede una crescita dello 0,6% dopo la contrazione di luglio. Da segnalare infine l'intervento di Fisher della Fed sullo scenario economico. Chi vede con favore un recupero dell'euro sul dollaro può rivolgersi, tra le altre, alle call di Unicredito con strike 1,15 o 1,2 in scadenza a dicembre oppure alle call di Société Générale con strike 1,25 o 1,3 in scadenza rispettivamente a dicembre 2005 o marzo 2006. Sul ribasso sono disponibili le put di Goldman Sachs con strike 1,3 o 1,25 in scadenza a dicembre oppure la put di SocGen con strike 1,2 in scadenza sempre a dicembre oppure infine la put 1,15 di Unicredito con scadenza a marzo 2006.

COMMENTA LA NOTIZIA