Covered: Cpi negli Usa e indice Zew per la Germania

Inviato da Redazione il Mar, 16/05/2006 - 09:59
Tra oggi e domani arriveranno ai mercati una serie di dati molto importanti per esaminare la dinamica inflazionistica in Europa e Usa. In relazione a questi ultimi verrà reso noto oggi l'indice dei prezzi alla produzione in aprile, per i quali è stimata una crescita dello 0,6% m/m in accelerazione dallo 0,5% per il dato "headline". E' previsto in aumento anche il dato netto delle componenti maggioremente volatili, a +0,2% da +0,1% precedente. Attenzione anche ai dati provenienti dal settore immobiliare con le nuove costruzioni residenziali che, ad aprile, dovrebbero essere scese a 1,95 milioni di unità da 1,96. In calo anche le nuove licenze edilizie a 2,05 milioni da 2,09. Tutti questi dati verranno rilasciati prima dell'apertura di Wall Street. Nel corso della giornata verrano diffusi produzione industriale (consensus +0,5% da +0,6%) e utilizzo della capacità produttiva che dovrebbe aver fatto segnare un altro passo in avanti all'81,5% da 81,3. Per l'Europa dalla Germania arriverà l'indice Zew che a maggio è stimato in aumento a 63,5 da 62,7 come in aumento è previsto il sottoindice sulla situazione corrente a 5 punti da 2,9 preceduto dalle rilevazioni sull'inflazione nel Belpaese. Il dato finale di aprile dovrebbe confermare un incremento dello 0,30%. Da segnalare infine l'intervento di Issing (Bce) che ha confermato nel mercato la certezza che a giugno verrà effettuato un altro ritocco al rialzo dei tassi di interesse in Eurolandia. Sull'indice tedesco Dax, al rialzo, sono disponibili, tra le altre, le call di Deutsche Bank con strike 5.700 e 5.800 in scadenza a giugno, le call 5.900 e 6.100 di Société Générale in scadenza a settembre o i Wave certificate di Deutsche bank con strike 5.700 e 5.750 in scadenza a settembre. Al ribasso ci si può rivolgere alle put 5.800 e 5.700 di Deutsche Bank in scadenza rispettivamente a giugno o settembre, agli short di Alleanza con strike 7.300 e 7.500 in scadenza a settembre oppure infine ai Bear certificate di Abn Amro con strike 7.000 e 6.500 in scadenza a dicembre 2010.

COMMENTA LA NOTIZIA